Laboratori Di Medicina Narrativa: Sabato 2 Ottobre dalle 16 alle 17.30

Siamo stati molto lieti di avervi qui con noi!

Abbiamo studiato la poesia, «Breviario», di Cristina Alziati dal libro, Come non piangenti (allegato al termine di questa pagina).

In seguito, abbiamo proposto il prompt: “Ci legano i secoli…”

Condivideremo ulteriori dettagli della sessione nei prossimi giorni; vi invitiamo a rivisitare questa pagina nei prossimi giorni!

Invitiamo i partecipanti del laboratorio a condividere i propri scritti nella parte “blog” dedicata alla fine della presente pagina (“Leave a Reply”). Speriamo di creare, attraverso questo forum di condivisione, uno spazio in cui continuare la nostra conversazione! 

Stiamo raccogliendo impressioni e breve feedback sui nostri laboratori di medicina narrativa su Zoom!

Questo breve questionario (anonimo, e aperto a chiunque abbia frequentato almeno un laboratorio) è molto importante per noi, e ci permetterà di elaborare sul valore dei nostri laboratori e sul ruolo dello spazio per riflettere e metabolizzare il momento presente. Vi preghiamo quindi di condividere le nostre riflessioni con noi!


Cristina Alziati, «Breviario», Come non piangenti,
Marcos y Marcos, Milano, 2011, pp. 83-89

Sono rimasta in un piccolo
vento impigliata, fra un nespolo
un ciliegio un fico. La bellezza
degli alberi è impressionante,
te lo dico ora così.
Tornerò a sciogliermi, più tardi
dentro il tempo archimedico, del mondo
presso la rosa, che non e la rosa
che è diventare una rosa.
  ***
Chi sa se è perché dormo
con i vetri spalancati sui vicoli
o sulle nebbie che montano
bagnate dalla valle, chi sa
se è perciò che ci incontriamo,
e perché canta prestissimo, agli uccelli
Appartiene alla luce che ancora non è
io me ne vado a tastoni nel suo canto.
Non c'è un congedo: dilegua quello
mentre io sdipano, fra le dita, l'alba.
  ***
Mai miei alberi immobili,
l'argento di luce delle foglie
e il desiderio, lasciato al roveti
di rosa canina - dimmi, 

è verticale quest'ora perfetta,
e dove posa? E tu, tu dove sei,
che dormi nella stanza
dentro la muta ombra dei muri?
  ***
Immemore del tempo, lo qui
mescolo dentro e fuori, mi confondo,
Resto incantata sulla soglia, imparo
a respirare senza muovere fronda.
  ***
Sono molto più vecchio di te,
mi ripeti, e intanto assomigli
la qualcosa che amo,
Ci legano i secoli, ti spiego
Tu stai proprio all'inizio,
lo in quelli tutti attorno.
  ***
Siedo con la piccola sugli argini, qui
dove il tempo implode. Ha otto anni,
la leucemia se l'è portata.
Me gustan los poemas, ha scritto in ospedale,
y me gusta la vida.
Mi mostra minuscole conchiglie, le tiene
in una mano. Guarda, mi spiega,
hanno milioni di anni, paiono nate appena.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.